Notizie

L’ultima follia della regione della Lombardia alle scuole: “portate i ragazzi da McDonald’s”

Dice l’assessore all’istruzione della Regione Lombardia Valentina Aprea che “Expo è ormai alle porte e Regione Lombardia si augura che i giovani possano fruire al meglio di questo eccezionale evento”. Aggiunge anche che “il gelato fa bene…” E invita i dirigenti scolastici a portare i ragazzi a mangiare da McDonald’s, dove il gelato, per loro, è pure gratis.

“D’accordo che il gelato fa bene – ribatte Giosuè De Salvo, coordinatore di Expo dei Popoli –  ma troviamo grave che, a fronte di una variegata e multietnica offerta che perfino Expo offre, un assessore all’istruzione inviti i dirigenti scolastici a portare i ragazzini a nutrirsi da McDonald’s, cioè dalla multinazionale che più di ogni altra rappresenta l’annullamento della cultura del cibo, della diversità alimentare, della sostenibilità ambientale e sociale”

Compito di un assessore all’educazione, per Expo dei Popoli, sarebbe esattamente il contrario, quello di educare le nuove generazioni al consumo consapevole di cibo. Ancor di più in occasione di un evento come Expo 2015.

“Invitiamo l’assessore alla Educazione Valentina Aprea, e ovviamente i presidi e i dirigenti scolastici della Regione Lombardia e non solo, a venirci a trovare dal 3 al 5 giugno presso la Fabbrica del Vapore, a Milano, dove si svolgerà Expo dei Popoli, il forum internazionale delle reti contadine e della società civile”, conclude De Salvo. “Siamo certi che impareranno qualche cosa di utile sulla questione del diritto al cibo. Perché noi abbiamo un’altra idea di nutrire il pianeta, senz’altro più utile al futuro delle nuove generazioni rispetto a quella che ha una multinazionale come McDonald’s”.


-- Scarica questo articolo in PDF --



Previous post

La Repubblica - La risposta delle ONG: "Date voce ai piccoli agricoltori"

Next post

Bologna - "Agricoltura industriale, pesticidi, salute pubblica e alternative possibili"

Nessun commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *