Notizie

Dietrofront del governo. Alle Tremiti si può trivellare: Legambiente protesta.

mappa di legambiente sulle trivellazioni

clicca per ingrandire

Via libera alle trivelle al largo delle Tremiti, in Puglia. Lo scorso 22 dicembre il ministero dello Sviluppo economico ha firmato il decreto di conferimento della concessione all’irlandese Petroceltic international, multinazionale specializzata nell’esplorazione, estrazione e trasporto nel settore oil & gas. Dai documenti che “Repubblica” ha ricevuto e pubblicato in anteprima, scopriamo che l’area interessata ha un’ampiezza di circa 373 km quadrati ed è stata concessa alla Petroceltic per quattro anni a 1.900 (millenovecento) euro l’anno.

La notizia arriva come un fulmine a ciel sereno. Parliamo dello stesso governo che il giorno successivo al decreto, il 23 dicembre, ha annunciato (con un emendamento alla legge di stabilità) l’introduzione di reato ambientale anche per le trivellazioni, vietando quelle entro le 12 miglia dalla costa. Durissima la reazione del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano: “Le Regioni proponenti i referendum non devono fare passi indietro. Dovranno elevare subito conflitto di attribuzione nei confronti dello Stato davanti alla Corte Costituzionale”. Per Emiliano “è incredibile che il governo non abbia pubblicamente spiegato la decisione di rilasciare le autorizzazioni al largo delle Tremiti”.

A chiedere coerenza, e concretezza, all’esecutivo è anche la presidente di Legambiente, Rossella Muroni. [continua a leggere su Lanuovaecologia.it]


-- Scarica questo articolo in PDF --



Previous post

L'agricoltore che ha fermato il deserto in Africa

Next post

Semi al vento: due giorni di riflessioni e performance sulla agricoltura contadina