Notizie

Accendi le luci giocando a calcio in Africa

È stato inaugurato lo scorso dicembre dal rapper  senegalese – statunitense Akon, in un istituto universitario di Lagos, in Nigeria, il primo campo da calcio africano capace di utilizzare l’energia cinetica dei giocatori per dare luce non solo ai fari dello stadio, ma anche ai lampioni della città. E attraverso la combinazione tra questa fonte di energia e le celle alimentate dal sole, il meccanismo è in grado di far funzionare l’illuminazione pubblica per più di 24 ore.

Un sistema messo a punto da una start-up inglese, la Pavegen Technology, sfrutta, attraverso dei meccanismi posti sotto il campo di gioco (ovviamente sintetico) il movimento dei giocatori per generare energia che viene poi raccolta in batterie.
«Il progetto mostra come il mix tra energia cinetica e solare possa costituire una soluzione utile per illuminare le comunità in futuro» ha detto Laurence Kemball-Cook, fondatore della start-up  in una intervista al sito Quartz.

 

 


-- Scarica questo articolo in PDF --



Previous post

Lo sviluppo umano e il lavoro. Il 25mo rapporto dell'UNDP

Next post

Semi al vento, lo spot